Bambini e adolescenti in Italia: un quadro degli ultimi 10 anni

Fra tutte le principali apparecchiature tecnologiche, la televisione è con ampio scarto quella maggiormente utilizzata dai bambini. I tempi di esposizione televisiva più frequenti tra i bambini sono medi (1-2 ore), anche se una minoranza significativa riferisce un consumo decisamente eccessivo (più di 5 ore). Tra il 2000 ed il 2009 è rimasta sostanzialmente stabile la quota di questi bambini, … Continua a leggere

L’ABBRACCIO CHE ALLARGA IL CUORE. IL BOOM DEGLI ORATORI ESTIVI

Un discorso vecchio, inutile ripeterlo. La sor­presa con il timer a ogni Giornata mondiale della gioventù; le solite copertine dei rotocal­chi e la solita trash-tv che tende a spacciare (let­teralmente: vendere agli inserzionisti) i giova­ni come tutti borderline, impasticcati, inebe­titi e bamboccioni… Un discorso vecchio, sba­gliato e inutile. Che non prevede questa Chie­sa che vive tra la gente e tra … Continua a leggere

RICETTA DELL’AMICIZIA

INGREDIENTI: un pizzico di simpatia, 10 bicchieri di sincerità, 1 mestolo di fedeltà, 1 pentolone di libertà, 5 bicchieri di fiducia, 1 tazza di clemenza, comprensione a volontà, 9 bottiglie colme d’amore, 7 contenitori di bontà, pazienza quanto basta, e tanta allegria non guasta. Tutto mescolato con un litro d’amore. PREPARAZIONE: Affinchè l’amicizia sia piena d’amore bisogna mescolare bene tutti … Continua a leggere

“I Biscotti”: una storia che fa riflettere

Così ogni volta che lei prendeva un biscotto, l’uomo accanto a lei, senza fare un minimo cenno ne prendeva uno anche lui. Continuarono fino a che non rimase solo un biscotto e la donna pensò: “ah, adesso voglio proprio vedere cosa mi dice quando saranno finiti tutti!!”. L’uomo prima che lei prendesse l’ultimo biscotto lo divise a metà! “AH, questo … Continua a leggere

Vado a messa perchè…

Se ne sente il bisogno Lucrezia, 15 anni, frequenta il quinto ginnasio, riconosce inoltre che quando va a Messa «l’ascolto delle letture e dell’omelia sono momenti importanti che consentono di riflettere e danno una risposta ai tuoi problemi, ai dubbi, alle tue ansie, alle contrarietà che immancabilmente ti ritrovi ad affrontare durante la settimana, in famiglia, con gli amici, a … Continua a leggere

PERCHÉ OCCUPARSI DI DIO OGGI

Posso valutarne la fondatezza, l’equilibrio, la maggiore o minore vicinanza alla prospettiva cristiana in maniera oggettivante, ma non posso valutare l’esito personale di ciascuno,  né soppesarne l’esperienza in relazione al reale rapporto con Dio che egli realizza o nega. Se quel “Non giudicate se non volete essere giudicati”  di Gesù vale, per nessun altro caso vale tanto quanto per questo, … Continua a leggere

Perchè non possiamo non conoscere la Bibbia (E. Bianchi)

Tentativo davvero lodevole perché non possiamo dimenticare che il “grande codice dell’arte”, come l’aveva definito William Blake, divenuto “grande codice” della cultura occidentale nel famoso saggio omonimo di Northrop Frye, è stato finora trascurato nella scuola italiana. E questa lacuna continuava a privare gli studenti del nostro paese – giunti ormai a essere “la prima generazione incredula” – di una … Continua a leggere

Elogio del prete «feriale»

Vittorio Messori, parlando dei sacerdoti, ha espresso la sua gratitudine per questi uomini che – nonostante mediocrità e angustie – «tengono aperte le infinite chiese del mondo, dove si celebrano le messe di ogni giorno e quelle per le tappe fondamentali della vita di ciascuno: battesimi, matrimoni, funerali. Chiese dove talvolta c’è anche il dono – ché tale è – … Continua a leggere