Facebook e Internet – Una guida per genitori ed educatori

http://www.religione20.net/

Finalmente un sussidio per i genitori e gli educatori sui rischi e le opportunità che possono offrire i social networks (Facebook in primis), la rete e i digital media. A scriverla l’amico Don Paolo Padrini, ideatore di Pope2You e di iBreviary. Don Paolo si rivolge soprattutto ai giovani, generazione tecnologica per eccellenza, e anche la più lontana da linguaggi e contesti di comunicazione tradizionali. Il Libro “Facebook, Internet e i Digital Media” è una vera e propria guida per genitori e educatori che hanno a che fare con figli e giovani spesso ‘Facebook dipendenti’ o comunque che vivono sulla rete e sui social network la maggior parte della loro vita sociale.
Il volume, facile e veloce da leggere (meno di 100 pagine) quanto ricco di esperienza e consigli pratici, è edito da Edizioni San Paolo e costa 10 euro. Don Paolo spiega agli adulti come gestire i profili dei figli su Facebook, foto e tag, chat e video chat, Twitter e Instagram, riportando anche alcune esperienze educative.
Essere amici o no dei propri ragazzi su Facebook? Dialogare con loro in rete e come?

Ecco in sintesi una sorta di decalogo di don Paolo Padrini per vivere ai tempi di Internet e addentrarsi nella “foresta virtuale” di Facebook senza paura.

1) Facebook non è Dio e neppure l’unico mezzo di comunicazione
2) Non chiedere l’amicizia ai propri figli sui social network
3) La vita non è fatta solo di amici: altre relazioni sono importanti
4) Non sminuire l’importanza di Facebook nella vita del ragazzo
5) Facebook o un libro di favole? Mangiare poco, mangiare di tutto.
6) Chiedere ai figli le password ma non spiarli in rete: anche Facebook può essere luogo di fiducia
7) Facebook non è il luogo della fuga
8) Facebook non è il luogo del segreto
9) Non condividere con tutti qualsiasi cosa
10) Siate educatori, sempre. Anche attraverso Facebook.

Facebook e Internet – Una guida per genitori ed educatoriultima modifica: 2012-05-20T17:11:51+02:00da borgosotto
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento